Perforati 500 metri di ghiaccio in Groenlandia: progetto GreenDrill

Informazioni sul passato ed il futuro della Calotta glaciale della Groenlandia ed in generale dei cambiamenti climatici dallo studio di una squadra di scienziati sul substrato roccioso del fondo al di sotto dei ghiacci.


Una squadra di scienziati ha effettuato un'interessante perforazione di oltre 500 metri nel ghiaccio della Groenlandia, rivelando ciò che si trova sul fondo. I risultati di questo studio possono fornire importanti informazioni sul cambiamento climatico e sulla storia della regione con possibili previsioni anche sul futuro della calotta glaciale stessa.

L'estrazione del più lungo nucleo di roccia della Groenlandia fornirà informazioni preziose sulla velocità con cui il ghiaccio dell'isola si scioglierà in risposta al riscaldamento globale. I dati raccolti saranno fondamentali per comprendere l'impatto del cambiamento climatico su questo importante ecosistema.
Rappresentazione di una perforazione nella spessa coltre di ghiaccio

Questo studio si unisce ad un gruppo sempre più numeroso di studi che utilizzano il substrato roccioso della Groenlandia per comprendere la sua storia e i cambiamenti del ghiaccio nel corso dei secoli. Il nucleo in questione è particolarmente importante poiché rappresenta la prima raccolta di materiale del genere in decenni e contiene una quantità significativa di reperti rocciosi, mai prima raccolti sotto il ghiaccio groenlandese.

Allie Balter-Kennedy, geologa glaciale presso l'Osservatorio terrestre Lamont-Doherty a Palisades, New York, ha presentato i risultati preliminari del progetto di perforazione GreenDrill durante una riunione dell'American Geophysical Union a San Francisco, in California nella giornata dell'11 dicembre. Secondo Balter-Kennedy, il nucleo contiene molte informazioni preziose sull'esposizione passata che potrebbero contribuire a una migliore comprensione della storia geologica della regione.

La Groenlandia sta diventando sempre più calda e questo è un grave problema per l'innalzamento del livello del mare. Per capire meglio la situazione, molti ricercatori hanno esplorato il passato e il futuro della calotta glaciale attraverso campagne di perforazione che cercano di estrarre la storia ambientale conservata sotto al ghiaccio. Tuttavia, poche di queste campagne sono riuscite a penetrare completamente fino alla roccia sottostante a causa delle difficili sfide tecniche coinvolte.

Cos'è il progetto GreenDrill?
GreenDrill è un innovativo progetto su iniziativa di ricerca della Columbia University creato per testare la sensibilità della calotta glaciale del nord della Groenlandia e fornire risposte a domande cruciali come:
● Qual è il grado di vulnerabilità della calotta glaciale all'aumento delle temperature del nostro clima?
● Qual è l'area della calotta glaciale più vulnerabile e determina i primi centimetri di innalzamento del livello del mare?
● Quando possiamo aspettarci che questo accada?
Il progetto del valore di 7 milioni di dollari si è dimostrato un grande successo grazie all'utilizzo delle attrezzature più moderne. Nel sito chiamato Prudhoe Dome, nella Groenlandia nord occidentale, è stato possibile perforare 509 metri di ghiaccio in circa 6 settimane e sollevare 7,4 metri di sedimenti e rocce ghiacciate.



Isotopo Radioattivo berillio-10 (10Be) per confermare la presenza di ghiaccio
Per comprendere se la presenza di ghiaccio è stata una caratteristica del passato, i ricercatori analizzano gli isotopi radioattivi che si formano nelle rocce quando sono esposte all'aria e ai raggi cosmici, cioè le particelle ad alta energia provenienti dallo spazio che colpiscono costantemente la Terra. Secondo i dati preliminari del team GreenDrill, il nucleo della roccia, in particolare nella sua parte sedimentaria, mostra elevati livelli di berillio-10, uno degli isotopi chiave per lo studio dell'esposizione dei substrati rocciosi. L'esponente del progetto Balter-Kennedy ha commentato: "Abbiamo trovato quantità molto maggiori rispetto a quanto osservato altrove". Anche Paul Bierman, geologo all'Università del Vermont di Burlington e non coinvolto nelle ricerche condotte da GreenDrill, ha espresso un parere simile.

Secondo Balter-Kennedy, la quantità di berillio-10 presente equivale a circa 40.000 anni di esposizione all'aria. Ciò potrebbe essere accaduto in un singolo evento o in più episodi distribuiti nel corso di milioni di anni. I calcoli dei ricercatori indicano che, se il sito del Prudhoe Dome fosse rimasto privo di ghiaccio per periodi brevi o lunghi, allora la Groenlandia deve essersi sciolta abbastanza da contribuire tra i 19 e i 73 centimetri all'aumento del livello del mare a livello globale.
Raggi cosmici che colpiscono la Terra


Risultati preliminari dello studio e confronti
L'analisi preliminare delle rocce e dei sedimenti circostanti suggerisce che nel corso degli ultimi tre milioni di anni il materiale contenuto in questo nucleo è stato esposto all'aria. Ciò implica che il ghiaccio sovrastante si è sciolto, almeno per un breve periodo di tempo.
I risultati sono ancora preliminari poiché i sedimenti potrebbero essere stati disturbati o spostati e le misurazioni devono essere confermate. Tuttavia, l'analisi attuale mostra minori quantità di berillio-10 nella roccia sottostante il sedimento, il che suggerisce che questo sito era esposto all'aria prima dell'inclusione nel deposito sedimentario.

I pochi campioni di carote di roccia e sedimenti estratti dal ghiaccio della Groenlandia comprendono il fondo del nucleo GISP2, prelevato dalla zona centrale della Groenlandia nel 1993. Questo nucleo mostra segni che il sito è stato libero dai ghiacci molte volte negli ultimi 2,6 milioni di anni. Un altro carotaggio effettuato nel 1966 nella parte nord occidentale della Groenlandia indica che quel luogo era privo di ghiaccio per un periodo sconosciuto, circa 400.000 anni fa.

Ultime News Ambiente e Clima

La Giornata mondiale della Meteorologia

Oggi è una giornata speciale: il 23 marzo si celebra la Giornata mondiale della Meteorologia, un appuntamento importante per tutta la comunità scientifica e non solo. Il tema sce...

Incendi nelle foreste boreali: una 'bomba' al carbonio

Le foreste boreali, anche chiamate taiga, rappresentano una delle risorse naturali più importanti del nostro pianeta, coprono parti delle alte latitudini di otto paesi tra cui Can...